©    Tutti i diritti sono riservati a Nardis Architetti, la riproduzione e la diffusione vietate 

 

 

 

                                                                                                                   

                                                                                                                                                                                                                                                                                                      
 

 

 

nardisarchitetti
L'Aquila
nardisarchitettilogo

designed by Lorenzo Nardis

Aggregato 1871 - partizione 1306

nardisarchitettilogo20-appartamentoe19-interventip.t.img_20190306_194209

negozio piano terra

22

open space appartamento E

dsc_1036

cucina appartamento B

dsc_5917

cucina appartamento B

dsc_2197

Pranzo-cucina appartamento B

dsc_5915

Salotto appartamento B

dsc_5930

Salotto appartamento B

 

SERVIZI OGGETTO DI INCARICO :

Progettazione, d.l. e coordinamento sicurezza per i lavori di riparazione del danno con miglioramento sismico e restauro della partizione 1306 

LOCALIZZAZIONE : L'Aquila

‚ÄčCOMMITTENTE: 

Dott.ssa Annalisa Fiorenza - Presidente del Consorzio Cavalieri di Malta

IMPRESA ESECUTRICE

Covit s.r.l.

ANNO: 2014-2016

prospetti1306

 

L’intervento si è configurato dal punto di vista strutturale, data anche la minore entità dei danni  confronto al resto dell’aggregato e la particolare conformazione  geometrica, come un intervento leggero per la parte superiore del fabbricato (già oggetto di lavori ristrutturazione nel 2001) con interventi più consistenti in alcune porzioni al piano terra. Rileggendo infatti la  storia dell’immobile si è deciso di indagare e quindi intervenire soprattutto al piano terra-seminterrato caratterizzato da una struttura mista ed eterogenea composta sia da murature portanti che da parti di strutture intelaiate di travi e pilastri in c.a., ma anche da pilastri  in mattoni con sovrastanti travi in putrelle d’acciaio. Inoltre le fondazioni erano realizzate con plinti isolati. Pertanto l’intervento principale è stato la realizzazione di un nuovo piano fondale omogeneo per ricollegare le murature perimetrali ed i plinti isolati, mediante cordoli armati di fondazione e la realizzazione di un nuovo massetto armato spillato alle murature d’ambito. Le travi e i pilastri sono stati  cerchiati con incamiciature in c.a. e con calastrellature metalliche. Le murature d’ambito di questo piano sono state in parte iniettate con iniezioni a base calce , mentre il muro di confine con l’altra porzione di aggregato è stato consolidato attraverso la realizzazione di una rete in fibra di vetro sfioccata. Ai piani superiori le murature sono state consolidate attraverso iniezioni sempre a base calce, sono state chiuse alcune nicchie e riparate le lesioni con opportuni cuci e scuci. Gli orizzontamenti e le coperture non presentavano danni , visti gli interventi di cerchiatura già realizzati nell’ultima ristrutturazione, pertanto non sono stati effettuati interventi rilevanti se non il controllo e la ripassatura dei tetti. Il prospetto principale su Corso Vittorio Emanuele  è  stato stonacato completamente, sono state riparate e risarcite le lesioni in facciata e restaurate le caratteristiche bifore del primo piano.  Anche la cornice in pietra a torciglione, che divide orizzontalmente in due il prospetto, è stata restaurata e consolidata riancorandone alcune porzioni distaccate alle murature portanti.  Caso a parte all’interno del fabbricato è il corpo che affaccia su via Poggio Picenze, che data l’importanza dei danni murari  riportati e la scelta progettuale di demolire e ricostruire il tetto, è stato oggetto di sostituzioni ed integrazioni murarie molto  importanti, con la relativa progettazione degli interni e delle facciate. Questa è stata l’occasione per una ricollocazione attenta e in tono con il contesto eliminando un elemento  incongruo  nei confronti del resto del fabbricato.  Sono state riallineate le finestrature dei prospetti e rifinite con imbotti in intonaco trattati con una particolare velinatura che simula in maniera delicata la pietra. Nella ricostruzione di questo corpo di fabbrica si è cercato di creare un ‘contenitore’, un involucro costituito dalle pareti portanti e dal tetto ed un ‘contenuto’ costituito dalle stanze dell’appartamento. La declinazione del concetto è stata quella di realizzare un volume piu’ basso che , come una grossa scatola, si inserisce nella zona giorno e lascia libera la visuale della copertura lignea costituita da struttura in capriate con tirante metallico e tavolato con finitura noce. L’abitazione prima dei lavori era distribuita in maniera poco funzionale e razionale, dall’ingresso, con un lungo corridoio che lambiva longitudinalmente la zona notte dell’appartamento, si arrivava nella zona giorno e nei servizi. Nel progetto si è ribaltata la situazione ed eliminando il lungo corridoio si è realizzata all’ingresso la zona giorno cucina che attraverso un piccolo disimpegno porta alle camere da letto e ai servizi. Negli altri appartamenti, su specifica richiesta dei proprietari e con relative cifre in accollo, sono state apportate piccole modifiche spaziali  e funzionali per migliorare la fruizione degli ambienti. Le finiture , le pitture e le pavimentazioni sono state scelte accuratamente in modo da valorizzare gli ambienti e essere in tono con il contesto.